VolleyBall Stabia Channel



LE ORIGINI (1987-2004)
 

L'Associazione Sportiva Dilettantistica Volleyball Stabia nasce in concomitanza con l'apertura della stagione agonistica 1987-88, raccogliendo l'eredità di un preesistente gruppo omonimo, con il supporto di nuove leve dirigenziali ha lo scopo di riunire sotto le proprie ali giovani atleti desiderosi di praticare la pallavolo.

L’atto notarile del 18 febbraio 1988 ufficializza legalmente la nascita della nuova associazione.

Lo scopo principale della stessa è la promozione ed organizzazione dello sport in genere, in particolare della pallavolo, nell'ambito delle direttive coni, senza scopi di lucro.

Il primo gruppo dirigenziale era composto dal presidente Bartolomeo Starace, dai vicepresidenti Giuseppe Apice e Giuseppe lo Monaco e dai consiglieri Gaspare Avagnale e Fabiana Castaldo.

Nella stagione agonistica 1987-88 si disputa ufficialmente il campionato di Prima divisione maschile, la squadra, sotto la guida dell'allenatore Giuseppe Apice, si classifica al quinto posto, mentre il settore femminile viene ricostruito sin dal minivolley grazie all'apporto del mister Fabiana Castaldo.

Durante il successivo anno agonistico 1988-89, il Volleyball Stabia partecipa nuovamente al campionato provinciale di I divisione maschile e, sempre allenata da mister Apice, riesce a coronare il sogno promozione, classificandosi al primo posto del girone e conquistando di diritto l'accesso al campionato regionale di serie D.

Intanto il settore femminile partecipa con lusinghieri successi ai vari tornei di minivolley e raccoglie sempre maggiori adesioni.


La stagione agonistica 1989-90 rappresenta l'anno di consacrazione sia per il settore maschile sia per quello femminile.
Impegnati nella nuova dimensione regionale del campionato di serie D, i ragazzi, sotto la guida del nuovo tecnico Franco Chianese, realizzano un ottimo campionato, distinguendosi in numerose occasioni, non raggiungendo però le prime quattro posizioni e quindi i play-off.


Le ragazze, diventate ormai un gruppo abbastanza folto ed affiatato, riescono a raggiungere numerosi successi sia nel minivolley sia nell'under 14.

Questo brillante periodo è, purtroppo, seguito da uno dei momenti più difficili per l'associazione causato soprattutto dalla mancanza d’infrastrutture capaci di garantire allenamenti più assidui, nonché gli introiti necessari per la gestione dell’associazione ad alti livelli.

Le conseguenze sono durissime, l'associazione è costretta a sospendere tutte le attività, con le successive dimissioni del gruppo dirigenziale.

Unica consolazione di quel tempo fu l'aver mantenuto in vita un discreto movimento pallavolistico operando in un contesto socio-economico-strutturale notevolmente avverso.

Dopo circa 5 anni di sospensione, e più precisamente con l'inizio della stagione agonistica 1996-97, il Sig. Giuseppe Apice, ex vicepresidente della vecchia associazione, coadiuvato da alcuni amici, riorganizza un nuovo gruppo sportivo, riprende il vecchio statuto, forma un nuovo gruppo dirigenziale e, con unanime consenso, assume la carica di presidente.

In quell'anno l'attività sportiva riparte con la partecipazione al campionato femminile di under 14; malgrado gli importanti risultati raggiunti negli anni precedenti, si decide a malincuore di non formare alcun gruppo maschile.


Nel 1997-98, grazie alle numerose iscrizioni, l'associazione riesce ad allestire un ottimo settore giovanile, distinguendosi sia nel campionato di under 14 che nei tornei comunali organizzati per il minivolley.

 

L'anno seguente, 1998-99, grazie alla collaborazione della giocatrice-allenatrice Gerlanda Rispoli, il Volleyball Stabia disputa il primo campionato provinciale femminile di seconda divisione. La partenza non è delle migliori, anche a causa della scarsa esperienza agonistica di numerose atlete, ma si riesce ad intravedere qualcosa di buono, qualcosa che in breve tempo avrebbe portato numerose soddisfazioni.

L'anno agonistico 1999-2000 è l'anno della possibile consacrazione.

Dal settore giovanile emergono ottime atlete ed il campionato di seconda divisione riesce finalmente a decollare.

Le ragazze, sempre sotto la guida della Rispoli, conquistano eccellenti risultati ma purtroppo riescono solamente a sfiorare il sogno promozione.

Intanto il settore giovanile femminile si allarga a macchia d'olio, tanto da riuscire ad allestire, oltre al minivolley e all'under 14, anche l'under 16, squadra giovane ma che già nel primo anno di vita riesce a conquistare qualche vittoria.



L'anno 2000-2001 si rivelerà l'anno vincente infatti, mentre il settore giovanile continua spedito verso la sua strada e fa ben sperare per il futuro, la seconda divisione femminile, sempre capitanata dalla Rispoli, divenuta ormai un'eccellente ed esperta giocatrice, riesce a conquistare la tanto agognata promozione. Dopo poco però lo stesso capitano decide di lasciare la squadra a seguito di un diverbio avuto con i dirigenti dell’associazione.

Con l'avvento del nuovo anno solare (2001), si ricomincia finalmente a muovere qualcosa anche tra le fila del settore maschile, l'attuale presidente Vincenzo Mosca entra a far parte della società ed inizia ad allestire il gruppo maschile. Con un pò d’esitazione gli viene concesso di avviare questo nuovo gruppo, purché tutto ciò non intaccasse minimamente gli spazi ed il lavoro del settore femminile e nonostante gli innumerevoli disagi causati dagli orari e dai pochi allenamenti settimanali, viene formata una squadra costituita da ex giocatori e da giocatori amatoriali che contribuiscono a portare una ventata d’entusiasmo all'interno del gruppo nascente. Grazie all’impegno profuso, sia a livello gestionale sia a livello organizzativo, mister Mosca riesce ad iscrivere la squadra ad un torneo regionale, affiliato C.O.N.I., raggiungendo risultati davvero importanti, considerate le condizioni poco agevoli in cui si lavorava. Infatti, i ragazzi arrivano fino alle semifinali del torneo, frenati nella loro corsa solo dalla squadra che poi si sarebbe aggiudicata il torneo stesso.

Con l’anno 2001-2002 l’Associazione raggiunge buoni livelli sia in termine di organizzazione e di partecipazione ai campionati sia in termini di numero di atleti tesserati.

Alla fine dell’anno agonistico risulteranno ben 5 i campionati disputati e oltre 80 i tesserati FIPAV, atleti sui quali l’Associazione pone le fondamenta per un futuro importante. Il tutto contornato dalla concretizzazione di molti degli obiettivi propostisi ad inizio stagione, la prima divisione femminile, prima sotto la guida della VITELLI come allenatrice-giocatrice, poi sotto la guida del duo TRAPANI-MOSCA ed infine di MOSCA-LONGOBARDI, riesce a salvarsi anche se solamente all’ultima giornata di campionato grazie ad una emozionante e strepitosa vittoria tra le mura amiche contro il Cimitile; la seconda divisione maschile, capitanata dall’allenatore-giocatore TRAPANI, a tutti noto, poi, come il mitico “MISTER T”, termina la regular season a punteggio pieno e con solo 2 set al passivo ed oltre a coronare il sogno promozione realizzato nella finale play-off contro la PARTENOPE, si laurea campione provinciale battendo per 3 a 1 il LAS GIUGLIANO in quel del “PALAVESUVIO”.

Da non dimenticare il meraviglioso apporto del pubblico accorso da Castellammare con pullman e macchine e l’indimenticabile festa promozione della sera stessa a base di champagne e dolci.

Anche il settore giovanile femminile non disdegna mettendo alla luce giovani atlete dalle ottime prospettive mentre il neonato settore giovanile maschile inizia a prendere forma e, seppur partecipando ad un campionato parallelo alla FIPAV, inizia a vedere alla ribalta giovani che dimostrano buone capacità tecniche di apprendimento e tanta voglia di emergere.


L’anno 2002-2003, nonostante le poche ore d’allenamento a causa della ristrutturazione delle palestre, vuoi per le maggiori qualità tecniche o per il maggior impegno profuso da parte degli atleti, è l’anno della consacrazione del settore maschile e della debacle di quello femminile.

Ristrutturata l’organizzazione, che vedeva l’ingresso in società del Presidente Michele Reina e sulle ali dell’entusiasmo dell’anno appena trascorso, i ragazzi di MISTER T continuano la propria marcia spedita verso la conquista della serie D Regionale e riescono a sopperire egregiamente anche agli importanti infortuni accusati durante l’anno. Terminato il campionato di prima divisione ancora una volta a punteggio pieno e senza nessuna sconfitta, i play-off riservano ai ragazzi di MISTER T, una brutta sorpresa. Infatti, la finale contro il PHOROS FORIO promuove la compagine isolana e costringe i LEONI gialloblù a sperare nei ripescaggi. Ripescaggio che si concretizza nell’agosto del 2003.

Durante quest’anno agonistico, grazie alla notevole richiesta d’iscrizioni, l’Associazione decide di affiliarsi anche al Centro Sportivo Italiano partecipando ai campionati OPEN sia maschili che femminili.

La debaclè della prima divisione femminile segna quest'anno un'amara retrocessione addolcita però dalle fasi regionali del CSI dove ottiene un immeritato secondo posto nella “tre giorni” ad ARIANO IRPINO, sfiorando per poco il sogno delle fasi nazionali.

Il campionato OPEN maschile, invece, non và oltre il 5° posto anche se nel contempo vede emergere ottimi giovani che MISTER T prenota ancor prima dell’inizio della nuova stagione agonistica.

 


Nella stagione 2003-04 l’Associazione si iscrive al campionato di serie D Regionale e contemporaneamente il responsabile del settore maschile, Sig. Vincenzo Mosca, con un nuovo sogno nel cassetto, inizia a lavorare per una grande squadra e per una società capace di pensare anche oltre alla semplice salvezza.

La meticolosa scelta delle nuove figure da inserire nella società comporta la ristrutturazione generale del vecchio direttivo e prevede, previa elezione, l’insediamento del nuovo gruppo dirigenziale nelle vesti del Presidente Onorario dott. Ciro Ottone, del Presidente FIPAV sig. Michele Reina (confermato), del Vice-Presidente FIPAV dott. Giuseppe Porta, del Segretario sig. Apice Giuseppe (confermato), del Direttore Sportivo Avv. Murasso Salvatore e del Medico Sociale dott. Giovanni De Caro.

Il continuo espandersi a macchia d’olio del settore giovanile, sia maschile che femminile, insieme agli oltre 100 tesserati dell’anno precedente, comporta, per l’anno agonistico 2003-2004, l’iscrizione da parte dell’Associazione a ben 8 campionati, di cui 5 FIPAV e 3 CSI, campionati dai quali arriva una sudata salvezza in serie D maschile, una promozione in prima divisione femminile e dulcis in  fondo, finalmente, le finali nazionali CSI nella 5 giorni di Roma, dove la squadra della città delle acque raggiunge un eccellente quinto posto.

L'anno agonistico 2004-2005 è l'anno in cui nella maschile avviene il cosiddetto cambio generazionale, si decide di non iscriversi la squadra al campionato di serie D Regionale e di puntare su di un nutrito gruppo di giovani pronti ad emergere in un campionato meno competitivo mentre la femminile viene affidata a mister Roberto Longobardi che con il suo meticoloso lavoro in palestra riesce ad ottenere alla fine della stagione agonistica numerose gratificazioni.

Entrambe le squadre chiudono al terzo posto in classifica federale, entrambe ad un passo dai play-off mentre in campo CSI si raggiunge l'apice in quel di Agropoli dove entrambe le squadre vincono le finali e si qualificano entrambe al girone nazionale per la conquista del titolo di Campione d'Italia.

L'esperienza di Rimini di quell'anno resterà a lungo nella memoria di tutti i partecipanti e, anche se alla fine entrambe le compagini non andranno oltre l'ottavo posto, resterà indelebile il ricordo di un'esperienza strepitosa da augurare a tutti.

 


IL POOL STABIAE VOLLEY (2005-2013)

Il Pool Stabiae Volley nasce nella stagione 2004-05 dalla collaborazione delle due Associazioni Sportive, il Volleyball Stabia e la Pallavolo Nemesi, originariamente operanti da molti anni sul territorio stabiese e anticamente divise da una sana rivalità agonistica, che, razionalizzando le proprie risorse organizzative, tecniche ed economiche, cerca di promuovere nel miglior modo possibile la disciplina sportiva della pallavolo.

Grazie al profuso impegno dei due presidenti delle rispettive associazioni, la nuova struttura associativa stabiese raggiunge degli altissimi livelli di competitività sia in campo maschile che femminile.

In questo periodo il settore maschile strutturato dal Volleyball Stabia raggiunge il suo apice tra la stagione agonistica 2007-08 e quella del 2010/11 quando dopo aver conquistato la promozione in B2 disputa ben 3 campionati consecutivi nella nuova dimensione Nazionale. Indelebile resterà il ricordo del giorno della promozione in quel di Ariano Irpino con al seguito oltre 300 tifosi così come indelebile resteranno le esperienze vissute durante i tre campionati nazionali sui campi della Sicilia, della Calabria, della Basilicata, della Puglia e del Lazio.

Il settore giovanile maschile, invece, tocca il suo miglior momento nell’anno agonistico 2007/08 con la partecipazione alle fasi Nazionali del campionato CSI Top Juniores in quel di Chianciano Terme e nell’anno agonistico 2009/10 con la partecipazione alle fasi Nazionali del campionato CSI Under 16 in quel di Lignano Sabbiodoro.

Il settore femminile strutturato dalla Pallavolo Nemesi vive il suo momento più alto tra la stagione agonistica 2009/10 e quella del 2010/11 durante le quali conquista prima la promozione in B2 e l’anno successivo disputa i playoff promozione per la B1, rinunciando poi l’anno seguente alla partecipazione in B2 per motivi legati in particolare alla strutturazione del nuovo assetto societario.

Il settore giovanile femminile, invece, si laurea Campione provinciale Under 16 nell’anno agonistico 2010/11 e più volte durante gli anni sfiora la vittoria del titolo provinciale con l’under 14 e l’under 13.


IL RITORNO AL PASSATO

Dopo 8 anni di grandi soddisfazioni, gloriose vittorie e intense battaglie  i massimi dirigenti delle rispettive società ritengono concluso quel ciclo che ha portato ad una serie di notevoli e strepitosi obiettivi raggiunti e che molto probabilmente non si sarebbero mai potuti conseguire se tale collaborazione non fosse mai avvenuta, per cui decidono comunque di “ritornare al passato” con le proprie strutture indipendenti.

Oggi il Volleyball Stabia riparte con grande entusiasmo sia in campo maschile che femminile e riprende quel filo interrotto 8 anni fa allorquando si distingueva per capacità, organizzazione, passione e divertimento.

Lo scopo principale che oggi si prefigge la nostra Associazione è proprio quello di aggregare più persone possibili, sia in termini di dirigenti che di atleti, ed in particolare tutti coloro che hanno intenzione di praticare la pallavolo senza distinzione di sesso, di età e di qualità.

Proprio per questo motivo la principale peculiarità che oggi si prefigge la nostra struttura associativa è interpretare lo sport come socializzazione, integrazione e trasmissione delle proprie emozioni e delle proprie esperienze per creare un forte rapporto interpersonale.

Elemento importante è il mix di persone che fanno parte dello staff tecnico-organizzativo, la maggior parte dei tecnici e dei dirigenti reduci dalla precedente esperienza hanno abbracciato il progetto del Volleyball Stabia e si sono messi a completa disposizione dell’associazione per riaccendere quella passione che da troppo tempo si era spenta. Proprio questo affiatamento venutosi a creare all'interno del gruppo dirigenziale è stato il vero input che in un certo qual modo ha permesso ai massimi vertici societari di ripartire da zero in un contesto socio-economico davvero difficile come quello in cui versa oggi la nostra amata città.

Oggi, l’ASD Volleyball Stabia ha in essere una struttura organizzativa all’avanguardia poiché può contare su oltre 20 addetti fra allenatori, segnapunti, dirigenti e responsabili all’organizzazione che portano avanti in maniera davvero encomiabile il duro e oscuro lavoro assegnato loro dalla società.

Una realtà davvero con pochi eguali e proprio per questo motivo l’A.S.D. Volleyball Stabia si colloca ormai da alcuni anni ai vertici del movimento pallavolistico della Regione Campania e della Provincia di Napoli, infatti risulta affiliata alla FIPAV (Federazione Italiana Pallavolo) e al CSI (Centro Sportivo Italiano), ente quest’ultimo grazie al quale l’Associazione si è espressa più di una volta anche in ambito nazionale per la conquista del titolo di Campioni d’Italia.

Le attività che svolge l’associazione non sono poche, durante una stagione sportiva infatti si iscrive ad una serie di campionati maschili e femminili tali da permettere a tutti i propri di tesserati di prendere parte alle attività agonistiche, partecipa a numerosi progetti in collaborazione con il Comune, prevede una serie di incontri formativi con le famiglie e organizza una serie di manifestazioni relativamente legate alla disciplina sportiva.

Possiamo dunque affermare tranquillamente che

il VOLLEYBALL STABIA è ormai divenuta una fra le più importanti realtà sportive anche della città delle acque.

 

 

 

AVVISO

SI COMUNICA CHE TUTTE LE ATTIVITA' e TUTTI I CORSI DI PALLAVOLO SONO INIZIATI MARTEDI' 6/10/2015.

PER INFO CHIAMA AL 3474412022.

AVVISO

SI COMUNICA CHE TUTTE LE ATTIVITA' e TUTTI I CORSI DI PALLAVOLO SONO INIZIATI MARTEDI' 6/10/2015.

PER INFO CHIAMA AL 3474412022.